3061 visitatori in 24 ore
 198 visitatori online adesso


Stampa il tuo libro



Vivì

Vivì

Cos’è una poesia se non un fiume di emozioni che sgorga dall’anima di chi la scrive e si riversa come una carezza nella mente di chi legge?
Comporre versi su versi ispirati da un suono, il ticchettio della pioggia o il richiamo di un implume nel suo nido... il pianto o il sorriso di un bambino o ... (continua)


La sua poesia preferita:
Cor sorpreso
Leva l'alba sugli oscuri anfratti
sorge rosea e
s'erge luminosa,
del palco mattutino è star divina
e primula sposa.
Spinge il sole tra l'ombrose fronde
e filtra,
gode illuminar dei cieli
coni all'ombra...
china gentil capo al mite...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Il monito della terra
Così una tragedia la terra rammenta
di sangue ch’è scorso e ha tanto bevuto
dei fieri e gagliardi, giovani cuori
che certo costretti han combattuto.

Irta corazza col cuor di leone
o forse soltanto vello d’agnello,
candido, creolo oppure...  leggi...

Uomo della luna
Uomo della luna
così che appare quell'icona
mentre sulla macchina del tempo
s'allontana...
Attila dello spazio- temporale
brancoli in abissi siderali
lasciandoti alle spalle
dune polverose,
e valli mefitiche e melmose...
e ancor steppe...  leggi...

Alletta i pensieri
Come sfiora le corde
d'un cuore
quel rumore
così accorto e ritmato...
come goccia,
come scorre al riparo.
Quanto alletta i pensieri
e l'ingloba
assai cheti,
assuefatti prigionieri
del passato...
come freme il fogliame
a quel tocco
e...  leggi...

Quel ciel primavera
Piove...
e bigio quel ciel primavera
s'ingombra a frotte di nubi
a schiera
e rovescia a dirotto
al selciato e sul tetto.
Piove...
e il sentore muschiato
ch'evapora all'aria
allerta i miei sensi
imbrigliando le nari
Piove...
e...  leggi...

Sotto il pergolato
E sordo bofonchia
quel livido cielo
e sorprende
con guizzo e boato...
poi picchietta sul cotto
e s'annuncia in sordina
e solerte tramuta
quel tocco argentino
al riparo...
poi goccia quel tonfo
attutito
e in rivoli scorre
alla...  leggi...

Di quei nembi il pianto
Giunge dal mare
lo strepito lontano

tuonando burrasca
e cupo inquieta.

E crepita quel far
che in un baleno irrompe
in sordo boato
squarciando i nembi
che bigi
e appesi gravano.

E uggia
del vento l'ululo
in quel suo mesto canto
e...  leggi...

E' mio
E' mio il sorriso fanciullo
che avverti nell'aria
che il tuo palpito culla
e la mente rallegra.

E' mio quello...  leggi...

Del vespro s'adorna
Del vespro s'adornan cirri
tal velo d'oriente che cela
del fascino dolce sorriso
e roseo ricopre ogni cosa.

Dama diafana dell'onirica reggia
erra cheta in quel blu che vagheggia,
poi invita all'alcova
gli amanti
e s'adorna...  leggi...

A che serve pregare
Non ha parole il dolore
unguento quel tanto
a lenire
lo strazio dal cuore.

A che serve pregare?
Non esiste parola
che possa lavare
l'angoscia dal cuore.

Né serve sperare
che il tempo faccia passare
oppure... guarire.

A che serve...  leggi...

Pellegrina io
Pellegrina al santuario
candore
a velar di sudario
rancore.
Quell’andar pelle nuda
sui sassi...
fustigar tanta pena
ogni passo
e serrar quel cilicio
che strazia...
Pencolar di quel tempo
che passa
o che manca, s’affretta
o ti pressa.
E...  leggi...

Tesse la tela
Tesse alfin la sua tela
piano piano tramando
è vischioso l'inganno
e bramosa l'attesa
di me come preda...
mi guarda e soppesa.

Immondo concetto
di tutto il creato
in stasi all'oscuro
pregusti il possesso
maxilla frementi.

Abbietta...  leggi...

Vivì

Vivì
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Cor sorpreso (08/01/2011)

La prima poesia pubblicata:
 
Canto alla Luna (05/01/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
Figli della terra (29/10/2018)

Vivì vi consiglia:
 Sul far della sera (17/01/2012)
 Questo mar (10/05/2012)
 Di quei nembi il pianto (29/09/2011)
 La mia terra (12/06/2011)
 Nell’abbraccio di nonna (26/04/2018)

La poesia più letta:
 
Tra le braccia di Morfeo (06/02/2010, 20167 letture)

Vivì ha 12 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di Vivì!

Leggi i 2507 commenti di Vivì


Leggi i racconti di Vivì

Le raccolte di poesie di Vivì

Vivì su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 04/04/2018
 il giorno 30/12/2015
 il giorno 31/03/2014
 il giorno 21/01/2011
 il giorno 26/09/2010

Autore della settimana
 settimana dal 10/10/2011 al 16/10/2011.
 settimana dal 31/08/2010 al 06/09/2010.
 settimana dal 06/04/2010 al 12/04/2010.

Seguici su:




Ti piace come scrive poesie Vivì? Allora clicca su questo pulsante per condividere su Google+.

Cerca la poesia:



Vivì in rete:
Invia un messaggio privato a Vivì.


Vivì pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

L'ebook del giorno

Il Principe

"Il Principe" è un trattato di dottrina politica scritto da Niccolò Machiavelli nel 1513, nel quale espone le (leggi...)
€ 0,99


Considerazione dell'autore
«Una gita alla Madonna della Guardia. Volge lassù, in cima al colle lo sguardo di migliaia di genovesi e il santuario contraccambia quello sguardo devoto protendendo verso la valle, quasi in difesa, quasi in abbraccio del popolo devoto.»
Inserita il 06/10/2017  

Vivì

Cuore pellegrino

Impressioni
Abbarbicato al colle
sta il borgo sul crinale,
chine e devote spalle
su per la "creuza" che sale.
Di quei rintocchi al bronzo
s’adorna il campanile,
che orfano di rondini
è pur quel ciel gentile.
Affanno d’afflato e passo
sull’acciottolato sasso...
alla cima lo sguardo preme,
con sussurri, preci e speme.
Di crepe i muri
screziano
nel cheto andar all’eremo,
impervio rimane il cammino
d’un cuore pellegrino...




Vivì 30/10/2011 06:19| 5| 3409 3285


Hanno inserito questa poesia nei propri segnalibri: - Francesco Rossi
Possiamo elencare solo quelli che hanno reso pubblici i propri segnalibri.
Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.
Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo, compila la richiesta di autorizzazione all'uso.

Nota dell'autore:
«Santuario Nostra Signora Della Guardia sulle colline di Genova
creuza= antica strada acciottolata che s’inerpica su per le colline, o viceversa si tuffa nel mare...
»


 

I commenti dei lettori alla poesia:
Non ci sono messaggi nella bacheca pubblica dei lettori.
Scrivi il tuo commento su questa poesia
Sei un lettore? Hai un commento, una sensazione, un'espressione da condividere con l'autore e gli altri lettori? Allora scrivilo e condividilo con tutti!

Commenti sulla poesia Commenti di altri autori:

«conosco il santuario descritto dall’autrice immerso nel silenzio e nel verde una volta giunti li si viene rapiti dalla misticità che la chiesa offre, si eleva l’animo e ogni battito è rivolta alla Mamma celeste. complimenti all’autrice...»
Club Scrivereemiliapoesie39 (07/10/2017) Modifica questo commento

«apprezzo moltissimo lo stile unico ed elegante, oltre che immaginifico e suggestivo, di questa Autrice, nel dipingere paesaggi, d'una tale potenza evocativa che le immagini divengono nitide ed elegiache nella mente del lettore... notevole capacità e maestria... ammirata»
Angela Fragiacomo (31/10/2011) Modifica questo commento

«E' un tour stupendo il tuo tra le bellezze della tua terra, sarebbe bellissimo realizzarlo ascoltando le splendide e soavi rime che descrivono il panorama! Mi prenoto! Complimenti!»
Darius (30/10/2011) Modifica questo commento

«Mi par di vederlo quel santuario di cui i genovesi, tutti i liguri son devoti alla loro Madonna della guardia. Bellissima»
Maria Rosy (30/10/2011) Modifica questo commento

«salire sulla collina per cercare nel silenzio la propria identità in questo periodo autunnale che c'impone malinconia e introspezione. Bella.»
Anna Maria Obadon (30/10/2011) Modifica questo commento

La bacheca della poesia:
Non ci sono messaggi in bacheca.

Amazon Prime

Link breve Condividi:


Selezione per pubblicare un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN gratuito? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici? Sottoponetelo alla nostra selezione. (Scadenza di questa offerta: 30 giugno)
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Impressioni
L’argopensier
Rimbrotta e rintrona
Lingua di terra magica
Irrora i cuor
E si scatena
Ligia s’adegua
Ubertosa creatura
Nonostante tutto
Gongolar delle nubi
In attesa di lucciole e rose
Piroette aggraziate
Figlie del vento
Magico incontro
Eppur par canto
Quel ciel ch'è concorde
Uno strambo meriggio
Aulente è la vita
Viali amari
Come lucciole nel camino
In quel ciel mattutino
Plana nel vento
Dolci pizzichi e incanto d'afflati
Babilonia
In quel tenero abbraccio
Luna maggese
Quel crocidar intrigante
Quel cielo marino
Trabocca e galoppa
Altalenando
Risveglio festoso
Madama aurora
Sogno d'estate
Alletta i pensieri
Balenerà l'ameno
Porto antico
Eppur si muove
Eppur s’insinua
Dicono di me
Sciacchetrà
Parca Primavera
Sferzano le parole
Sprazzi fugaci
Bastò un sorriso
La nuova stagione
La cattedrale
Aria di casa
E uggia quel tempo
Sagome nella nebbia
Ricomincia da zero
Acchiappanuvole
Bieca incombe
Mia bella Recco
Imperterrita staglia
Stelle lorenzine
Rapido come un lampo
Sprigiona calore
Quel veleggiar dei sogni
Briciolo di paradiso
Il tempo delle rose
Cronaca di un capriccio
Quel sole latitante
Scie sfumeggianti
Sulla scogliera
Sensazioni di primavera
Impazza e cozza
Il vecchio galeone
Sotto il pergolato
Veleggiano candidi
Ergono le cime
Ecco l'uomo
Candide s’arrendono
Non scruto le stelle
Sciogli il cuore
Tutto diviene nenia
Avanza e ritira
Io l'avverto
Quell'estate a finire
Oasi di pace
Virgola di luna
Giochi di luce
Placido Ferragosto
Melodia di stelle
I giganti del parco
Araldo d'aurore
Come arde la fiamma
Sostenuto dal vento
Avverto e penso
Esiliano la vita
Serpeggia argentata
Piazza Settembrini
Lievi spore del tempo
Quel ciel primavera
E s'imbroncia e ridonda
Cincischia la mente
Beata essenza
Madamigella Primavera
Chiatta e pigra
Giganti dell'approdo
Colme d'armonia
Lo sciaguattar dell'onde
Dolce donzella
Buongiorno vita
Serra la morsa
L'imbrunire
Melodioso passo
Virgola di mare
Luna presaga
Sul far della sera
Rotola la sfera
Erratico sentire
Generoso dono
In biblioteca
Subdole strisciano
Lugubre rintocco
Crisalidi i sogni
L'acuir di quei sensi
Ghiacciano
E corre quel treno
Canto... sento... vibro
Brume silenti
Tripudio marino
Non pregano... non piangono
Velo funereo
D’autunno si fregia
Cuore pellegrino
Rovinano stagioni
Piange illune
Scricciolo di sole
Airone silente
Ragioni pavesate
Di quei nembi il pianto
Prosopopea bislacca
Pizzetti e farballà
Tale cipria nel tempo
Cala il bigio
Crollano
A cavallo dell'onda
Segnali di fumo
La forza
Felinamente
Il sublime rubar del poeta
Notte orfana di luna

Tutte le poesie

La mia terra
I giganti del parco
Virgola di mare
Questo mar
Raccontami
Sentinella di mare
Sampedænn- a (Sampierdarena)
La mia terra
Del canto del vento
Disegno i contorni
Oasi di quiete
Avverto e penso
Piazza Settembrini
Piccole perle
Quanto
Lingua di terra magica
Astro che seduce
Cuore pellegrino
Mia bella Recco
Quel cielo marino
Risveglio festoso
Porto antico
Genova
Sciacchetrà
La cattedrale
Aria di casa




Premio Scrivere 2012
Un bisbiglio di te Amore (Potessi, con un gesto, rendere eterno questo nostro amore)

Vivì
 I suoi 24 racconti

Il primo racconto pubblicato:
 
Chico l’ornitorinco che non sapeva nuotare (11/02/2011)

L'ultimo racconto pubblicato:
 
Elydor, l’unicorno nero (2a parte) (16/10/2017)

Una proposta:
 
L'emblema del lupo (3a parte) (17/04/2017)

Il racconto più letto:
 
Il rapimento di Babbo Natale (11/12/2011, 4516 letture)


 Le poesie di Vivì



Lo staff del sito
Google
Cerca un autore od una poesia

Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2018 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it